Liberamente ispirato a La maschera della morte rossa di E. A. Poe

27 LUGLIO 2021

Liberamente ispirato a La maschera della morte rossa di E. A. Poe

Nutrimenti Terrestri
di e con Simone Corso
su un vecchio testo di Simone Corso
dramaturg Jovana Malinarić
da qualche parte Carmelo Crisafulli e Giuditta Pascucci 

  cortile Calapaj-D’Alcontres
  cena + spettacolo 35 €
  info e prenotazioni 348.7967879

Note

Liberamente ispirato a La maschera della morte rossa di E. A. Poe è in realtà la chiosa al primo testo teatrale compiuto che iniziai a scrivere a ventitré anni, nel 2013, e che ultimai l’anno successivo: Prospero. Il racconto di Poe, pubblicato nel maggio del 1842, narra di come il principe protagonista della vicenda passi le sue giornate di quarantena rinchiuso dentro la sua dimora, attorniato da parenti e cortigiani, organizzando feste in maschera e banchetti, mentre fuori dalle mura il mondo è funestato dalla pandemia da Morte Rossa.
Le pandemie sono la normalità. Ci sono sempre state, sempre ce ne saranno. In molte città d’Italia c’è una via del Lazzaretto, reliquia di tempi che ci paiono lontanissimi, di un mondo ormai perduto. 
La storia di quel principe che cerca di sfuggire alla normalità per preservare il mondo che conosceva è tornata alla mia mente per cercare di farne un discorso teatrale che si interrogasse sull’oggi, sul prima e dopo la pandemia, ma che lo facesse strutturalmente, prendendo in esame lo stesso fare teatrale quale reliquia di un prima. 
Le prove di Liberamente ispirato a La maschera delle Morte Rossa di E.A. Poe sono iniziate in questo Febbraio del 2021. Non ci è dato sapere la fine. Più che uno spettacolo, questo progetto vuol essere un processo sempre aperto che dialoghi con la società che sta preparandosi al “dopo”. Ma quale dopo è possibile? Cercheremo una risposta nell’incontro, sera dopo sera, con il pubblico.